Salta al contenuto principale

EMERGENZA COVID-19: CONTINUIAMO AD ADOTTARE UN COMPORTAMENTO RESPONSABILE

Pubblicato Venerdì, 22/05/2020 - 11:03

In questa fase l’emergenza sanitaria, come ben sappiamo, non è per nulla terminata e la trasmissione del contagio può riprendere con grande virulenza in ogni momento. 
La ragione per la quale viene consentita una prudente riapertura di alcune attività risiede nella necessità di preservare la continuità aziendale di tante imprese che la prolungata chiusura ha messo in seria crisi. 

Non è necessario sottolineare che nella situazione attuale è ancor maggiore la necessità di osservare scrupolosamente le norme di prevenzione della diffusione del contagio in quanto ad una maggiore possibilità di circolazione delle persone corrisponde una più alta probabilità di diffusione del virus.

Tutti oramai sappiamo che la sua trasmissione avviene attraverso le vie respiratorie e gli occhi
Sappiamo, altresì, che vettori di COVID-19 sono le particelle di saliva (droplet) che possiamo inalare direttamente parlando con una persona infetta a distanza ravvicinata, oppure per colpa di un colpo di tosse o di uno starnuto; è questo il motivo per cui si raccomanda a tutti di indossare la mascherina di comunità (che trattiene le gocce più grosse di saliva) e di mantenere la distanza di sicurezza. Nella maggior parte dei casi, infatti, non conosciamo il reale stato di salute di chi incontriamo e non possiamo escludere che si tratti di un portatore sano. 

QUANDO INDOSSARE LA MASCHERINA
La mascherina o, in subordine, qualunque altro indumento a copertura di naso e bocca,  è obbligatoria ogniqualvolta ci si rechi fuori dall’abitazione, contestualmente ad una puntuale disinfezione delle mani. 
In ogni attività sociale esterna deve comunque essere mantenuta la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. 
Non sono soggetti all’obbligo di indossare la mascherina i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina e i loro accompagnatori. 
Per coloro che svolgono intensa attività motoria o intensa attività sportiva non è obbligatorio l’uso di mascherina o di altra protezione individuale durante la predetta attività fisica, salvo l’obbligo di utilizzo alla fine dell’attività stessa ed il mantenimento del distanziamento sociale.

ATTENZIONE ALL’IGIENE DELLE MANI
Un ulteriore veicolo di trasmissione del virus possono essere le nostre mani se portate al viso dopo aver toccato superfici infette. Per questo motivo si raccomanda la frequente disinfezione delle mani. 

PERCHÉ È IMPORTANTE ARIEGGIARE I LOCALI
Il virus può restare in sospensione nell’aria ambiente anche per diverso tempo: ecco perché è necessario arieggiare frequentemente i locali e si sconsiglia l’utilizzo di dispositivi che prevedano il riciclo dell’aria in ambienti chiusi.


RACCOMANDAZIONI PER CHI LAVORA A CONTATTO CON IL PUBBLICO
I lavoratori degli esercizi commerciali sono tenuti ad osservare le seguenti indicazioni: 
a)    Rilevare la propria temperatura corporea prima dell’accesso al luogo di lavoro. Se tale temperatura risulta superiore ai 37,5°, non è consentito l'accesso o la permanenza ai luoghi di lavoro.
b)    È raccomanda fortemente anche la rilevazione della temperatura dei clienti/utenti, prima dell’accesso. 
c)    In caso di accesso ad attività di ristorazione con consumo sul posto, la rilevazione della temperatura corporea dei clienti è obbligatoria. Se tale temperatura risulta superiore a 37,5°, non è consentito l'accesso alla sede e all’interessato viene informato della necessità di contattare il proprio medico curante. 
d)    E’ fortemente raccomandato l’utilizzo della app “AllertaLom”, compilando quotidianamente il questionario “CercaCovid”.

I lavoratori dei pubblici esercizi, inoltre, sono tenuti a garantire:
-    la corretta e costante sanificazione ed igienizzazione degli ambienti al chiuso e dei servizi igienici, il contingentamento degli ingressi, l’organizzazione di percorsi idonei,
-    l’adozione di tutte le misure di prevenzione e protezione utili per assicurare il distanziamento sociale, il rispetto delle distanze di sicurezza, il divieto di assembramento 

DA NON DIMENTICARE!
Si raccomanda agli avventori dei locali pubblici di indossare la mascherina e di mantenere il distanziamento sociale e agli esercenti di richiamare i clienti qualora non osservino le norme anti-contagio.

Oggi, ancor più di prima, siamo chiamati ad adottare un comportamento responsabile che salvaguardi noi stessi e chi ci sta vicino. 

Comune di Bormio

Via Buon Consiglio, 25
23032 Bormio (SO)
Codice fiscale: 00099580144 P.IVA: 00099580144 
Tel. +39 0342 912211
Fax +39 0342 912201
Codice IPA: c_b089
Codice Univoco: UF3W25
Email: info@comune.bormio.so.it
Pec: bormio@pec.cmav.so.it

Orari

UFFICI COMUNALI
c/o Centro Servizi - Via Don Peccedi, 1 - 23032 Bormio (SO)

Fax  +39/0342 912201 - ufficio protocollo


Tributi, commercio e guardia boschiva, manutentivo, ragioneria
mattino: da lunedì a giovedì dalle 08.30 alle 12.30 
pomeriggio: da lunedì a giovedì dalle 14.00 alle 18.00 
venerdì dalle 08.30 alle 12.30 


Polizia Locale 
mattino: lunedì e giovedì dalle 08.30 alle 12.00 


Ufficio tecnico, edilizia privata e opere pubbliche 
(c/o Via Buon Consiglio, 25) 
mattino: da lunedì a giovedì dalle 11.00 alle 12.30 
venerdì dalle 10.30 alle 12.00


Anagrafe, elettorale, leva
da lunedì a venerdì dalle 09.00 alle 12.00 
martedì e giovedì pomeriggio: 
dalle 14.30 alle 17.30 1 ^ e 3^ sabato del mese dalle 09.00 alle 12.00


UFFICIO PROTOCOLLO
mattino: da lunedì a giovedì dalle 08.30 alle 12.30 
pomeriggio: da lunedì a giovedì dalle 14.00 alle 16.00 
venerdì dalle 08.30 alle 12.00  

 

Archivio
martedì: dalle 08.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18
previa richiesta allo 0342 912241

torna all'inizio del contenuto